Comunicare con Fornitore? Fornitore
Emily Cui Ms. Emily Cui
Cosa posso fare per te?
Chatta adesso Contattare il Fornitore
 Numero Di Telefono:86-769-22028588-2892 E-mail:mk892@apmtech.cn
Home > Elenco prodotti > Alimentatore CC > Alimentatore 20 V CC
Servizio Online
Emily Cui

Ms. Emily Cui

Lasciate un messaggio
contattaci ora

Alimentatore 20 V CC

categoria articolo di Alimentatore 20 V CC, siamo produttori specializzati provenienti dalla Cina, Alimentatore 20 V CC, Alimentatore CC ad alta tensione fornitori / fabbrica, il commercio allingrosso di alta qualità prodotti di Alimentatore CC a tensione variabile R & S e produzione, abbiamo il perfetto servizio e supporto tecnico post-vendita. Aspettiamo la vostra collaborazione!

Cina Alimentatore 20 V CC Fornitori

L' alimentatore CC serie 20V potrebbe essere ampiamente utilizzato per caricare il sistema a batteria 12V. È una potenza costante e un'ampia gamma di uscite di tensione e corrente con accurate capacità di misurazione di tensione e corrente.

Il nostro alimentatore apm dc eredita il design funzionale e mantiene la caratteristica di alta densità di potenza e l'aspetto dell'altezza 1U. L'interfaccia di comunicazione standard include RS232 / RS485 / USB / LAN, GPIB è opzionale. Gli utenti possono scegliere l' alimentatore cc variabile che si adatta alle loro esigenze di test perfettamente.

Alcune caratteristiche di   alimentatore cc come di seguito:


  • Tempo di risposta ultraveloce ed alta efficienza.
  • Accurata capacità di misurazione della tensione e della corrente
  • Dotato della funzione di modifica delle forme d'onda di ELENCO
  • Conforme al protocollo di comunicazione SCPI
  • Modalità di funzionamento in parallelo master / slave e serie per un massimo di 10 unità
  • Curve di prova elettriche automobilistiche standard integrate
  • Protezione completa: OVP / OCP / OPP / OTP / SCP
  • Compensazione della caduta di tensione tramite linea di rilevamento remota.
  • Hanno ottenuto CE, UL, CSA, FCC.ROHS


Elenco prodotti correlati

Casa

Phone

Skype

inchiesta